HOME
FRIULI-vigna.jpg

VINI FRIULI VENEZIA GIULIA


Il Friuli Venezia Giulia si colloca tra le regioni italiane protagoniste nel panorama enologico nazionale ed internazionale. Quanta varietà di terroirs in una regione tutto sommato poco estesa geograficamente! Pianure dai profumi marini, aspre montagne, morbide colline. Il tutto assistito da un concetto di qualità che i vignaioli friulani hanno nel sangue e di cui fanno una vera filosofia di vita. Terra di bianchi eccellenti, nei quali il vitigno, sia esso alloctono o autoctono, è portato al massimo della sua possibilità espressiva. Ma al fianco dei grandi Friulano (Tocai), Chardonnay, Sauvignon e Ribolla si fanno largo rossi importanti come il Refosco dal Peduncolo Rosso e la locale versione di Merlot e Cabernet. Un'occhiata va data anche alla Malvasia Istriana, al Pignolo e al raro Picolit.
 

VINI BIANCHI FRIULI

VINTAGE

Collio D.O.C.
JERMANN - FRIULI
Anno 2015
VEDI VINTAGE
Vino Bianco

€50.00

FRIULANO-POGGIO

Colli Orientali del Friuli D.O.C.
POGGIOBELLO - FRIULI
Anno 2017
VEDI FRIULANO POGGIO
Vino Bianco

€10.00

RIBOLLA-GIALLA-POGGIO

Colli Orientali del Friuli D.O.C.
POGGIOBELLO - FRIULI
Anno 2017
VEDI RIBOLLA GIALLA POGGIO
Vino Bianco

€10.00

SAUVIGNON-POGGIO

Colli Orientali del Friuli D.O.C.
POGGIOBELLO - FRIULI
Anno 2017
VEDI SAUVIGNON POGGIO
Vino Bianco

€10.00

PINOT-BIANCO-LIVON

Collio D.O.C.
LIVON - FRIULI
Anno 2013
VEDI PINOT-BIANCO-LIVON
Vino Bianco

€12.50

BRAIDE-ALTE

Friuli V.Giulia I.G.T.
LIVON - FRIULI
Anno 2011
VEDI BRAIDE-ALTE
Vino Bianco

€29.00

RIBOLLAGIALLA-PUIATTI

Ribolla Gialla - Collio D.O.C.
PUIATTI - FRIULI
Anno 2017
VEDI LUS
Vino Bianco

€13.50

SAUVIGNON-PUIATTI

Ribolla Gialla - Collio D.O.C.
PUIATTI - FRIULI
Anno 2017
VEDI LUS
Vino Bianco

€13.50

PINOT-GRIGIO-SIMON

Collio D.O.C.
SIMON - FRIULI
Anno 2017
VEDI PINOT-GRIGIO-SIMON
Vino Bianco

€12.00

FRIULANO-DRAGA

Collio D.O.C.
DRAGA - FRIULI
Anno 2015
VEDI FRIULANO-DRAGA
Vino Bianco

€13.50

MALVASIA-DUGO

Friuli Isonzo I.g.t.
VILLA DUGO - FRIULI
Anno 2017
VEDI MALVASIA-DUGO
Vino Bianco

€10.00

VITOVSKA

Vitigno Autoctono IGP
SKERK - FRIULI
Anno 2016
VEDI VITOVSKA
Vino Bianco

€25.00
 
 

Friulano


Il Tocai Friulano è un vitigno autoctono del Friuli-Venezia Giulia di origini antichissime, con D.O.C.umenti scritti che risalgono a oltre due secoli fa.
Si ritiene sia stato importato dall'Ungheria in Veneto ed nel Friuli-Venezia Giulia, ma non vi sono analogie con alcun vitigno di quella regione.
Studi più recenti lo farebbero coincidere con il vitigno Sauvignonasse, di origine frencese, ormai quasi scomparso in patria ma presente in altri paesi.
Nonostante il nome, il vitigno "Tocai Friulano" dà un vino completamente diverso dal Tokaji ungherese, ottenuto dall’assemblaggio di uve Furmint, Hàrzevelu e Muscat lunelu, ed il cui nome sta ad indicare una precisa area geografica Ungherese. Tuttavia una sentenza della Corte di Giustizia Europea del giugno 2008 ha chiuso l'annosa vertenza con l'Ungheria che vedeva protagonista la denominazione del vino Tokai. il nome Tocai Friulano per il vino è stato perso ed è stato sostituito con “Friulano” o "Tai" nel Veneto. Il DM del 25.09.2008 prevede l'iscrizione nel registro nazionale delle varietà di vite del sinonimo «Friulano» per la varietà di vite «Tocai friulano».
La denominazione corretta del vitigno rimane pertanto Tocai Friulano, ed è a questa che facciamo riferimento.


Ribolla Gialla


Il vitigno Ribolla gialla è un antico vitigno autoctono del Friuli-Venezia Giulia, coltivato fin dall'epoca romana nella sua zona di eccellenza, ossia nelle colline attorno a Rosazzo. In Slovenia e Croazia prende il nome di Rebula, e si ritiene che la sua origine fosse proprio nelle isole meridionali della Dalmazia o più a sud fino a Cefalonia, da cui alcuni ritengono che sia stato importato in Friuli ad opera di mercanti veneziani in epoche più recenti, ossia attorno al 1100. Il suo territorio di eccellenza è comunque la zona collinare tra Udine e Gorizia, quindi nelle denominazioni D.O.C. Isonzo, Collio e Friuli Colli orientali e nella Rosazzo D.O.C.G.
Eccellenti risultati dà anche la "rebula" del Collio Sloveno. Il vitigno Ribolla gialla non si è mai diffuso in pianura, predilegendo terreni asciutti e collinari dove dà origine a vini intensi e strutturati.


Sauvignon


Il vitigno Sauvignon assieme allo Chardonnay è la varietà a bacca bianca più diffusa e famosa al mondo, e da essa si ricavano alcuni fra vini bianchi più conosciuti e ricercati. Il Sauvignnon è un vitigno di origine francese, e per la precisione la sua culla è il Bordolese, in particolare la zona dello Sauterne, dove assieme al Semillon e al Muscadelle entra nella composizione del famoso vino botitrizzato.
Il suo nome deriva da "sauvage" (selvatico) quindi l'etimologia corriponderebbe a quella dei nostri Lambruschi (dal latino "vitis lambrusca", ossia selvatica), con i quali esiste infatti qualche lontana affinità. Ne esistono perlomeno due biotipi, il Sauvignon piccolo o giallo e il Sauvignon grosso o verde, meno diffuso e che corrisponde al Sauvignonasse, simile al Tocai Friulano. E' un vitigno semiaromatico, e il suo riconoscimento è solitamente immediato con le sue caratteristiche note di uva spina, ortiche, muschio e pipì di gatto (tipiche dello Sancerre e delle zone centrali della Loira) oltre che sambuco e foglia di pomodoro. In Italia i migliori Sauvignon sono prodotti in Friuli , nella quasi totalità con affinamento in acciaio.


Malvasia Istriana


Con il nome Malvasia vengono indicati molti vitigni, la maggior parte a bacca bianca, geograficamente distribuiti un po' in tutta Italia. Sebbene di origini diverse, tutti questi vitigni condividono alcune caratteristiche di base: infatti presentano tutti, anche se con diversi gradi di intensità, una fragranza piccante di muschio e di albicocca e residui zuccherini piuttosto alti. Queste caratteristiche rendono i vitigne del gruppo delle Malvasie particolarmente adatti alla produzione di spumanti e di passiti.
Il loro nome "Malvasia" deriva da una variazione contratta di Monembasia, roccaforte bizantina abbarbicata sulle rocce di un promontorio posto a sud del Peloponneso, dove si producevano vini dolci che furono poi esportati in tutta Europa dai Veneziani con il nome di Monemvasia.
Il vino fatto con questa varietà era divenuto estremamente popolare, tanto che Venezia pullulava di osterie, chiamate Malvase, consacrate al suo consumo.
Il vitigno Malvasia Istriana dà un vino di colore giallo-paglierino con riflessi dorati. La Malvasia Istriana ha al naso un delicato di frutta estiva e il geranio, asciutto ed elegante, lievemente citrino e con memorie di albicocca.
Il vitigno Malvasia Istriana viene principalmente coltivato in Friuli-Venezia Giulia, ed è anche presente nel Veneto.



 


VINI ROSSI FRIULI

TAZZELENGHE

Collio D.O.C.
CASELLA - FRIULI
Anno 2015

VEDI TAZZELENGHE
Vino Rosso

€21.00

MERLOT-SIMON

Collio D.O.C.
SIMON KOMJANC - FRIULI
Anno 2016

VEDI MERLOT-SIMON
Vino Rosso

€12.00

PINOT-NERO-POGGIO

Collio D.O.C.
POGGIOBELLO - FRIULI
Anno 2016

VEDI Pinot-Nero-Poggio
Vino Rosso

€10.00

REFOSCO-POGGIO

Collio D.O.C.
POGGIOBELLO - FRIULI
Anno 2016

VEDI REFOSCO-POGGIO
Vino Rosso

€10.00
 
 

Schioppettino


Il vitigno Schioppettino è un antico autoctono del Friuli-Venezia Giulia, le cui origini risalgono al medioevo. E' stato citato per la prima volta nel 1282. Il nome Schioppettino deriva dal suo antico nome friulano, "Scopp", il quale è a sua volta da ricondursi al croccare dei suoi acini, oppure al fatto che la sua elevata acidità un tempo provocava la fermentazione malolattica in bottiglia, facendone esplodere il tappo. Dopo l'avvento della fillossera, questa varietà era stata accantonata a vantaggio di vitigni più produttivi, poi in tempi più recenti è stata riscoperta, assieme ad altri vitigni autoctoni friulani, come il Tazzelenghe o il Pignolo.


Merlot


Il Merlot è un vitigno a bacca nera, originario della Gironde, nel Sud-Ovest della Francia, e in particolare della zona di Bordeaux da cui nascono (in uvaggio con il Cabernet) alcuni dei più prestigiosi vini al mondo. Nella maggior parte delle zone vitivinicole del mondo, il Merlot è invariabilmente accompagnato dal Cabernet Sauvignon; i due vitigni si integrano perfettamente: il primo donando al vino il suo frutto pieno e maturo, il secondo, più tannico, una maggiore aristocraticità e longevità. Nel bordolese è consuetudine, secondo le zone, aggiungere nella composizione del vino una percentuale di Cabernet Franc che, oltre ad una componente fruttata, gli dona piacevoli sensazioni erbacee e vegetali. In Italia il Merlot è giunto alla fine del 1800, nel Friuli Venezia Giulia, per poi diffondersi velocemente in Veneto e in Trentino Alto Adige dove ha trovato condizioni ambientali ideali, ma è ormai diffuso in molte altre regioni, con risultati a volte sorprendenti, anche senza l'apporto di altre uve.


Refosco dal peduncolo rosso


Il vitigno Refosco dal peduncolo rosso deve il suo nome particolare alla colorazione rossa del peduncolo, cioè della base del rachide (raspo). Questo vitigno, auctoctono friulano, appertiene alla più vasta famiglia dei refoschi, la quale comprende, oltre al vicino parente Refosco nostrano o di Faedis, anche vitigni come il Terrano o la Cagnina di Romagna (sinonimo del Terrano), tutti accomunati da un origine comune con la stessa famiglia di viti selvatiche, come dimostrato da recenti studi sul DNA. Il vitigno Refosco dal peduncolo rosso è presente soprattutto in Friuli-Venezia Giulia, suo territorio di eccellenza dove è stato recentemente inserito nelle D.O.C. di recente approvazione.